Daniel Cormier spiega il divieto all'UFC di George St.Pierre contro Oscar De La Hoya

Daniel Cormier spiega il divieto all'UFC di George St.Pierre contro Oscar De La Hoya

Il desiderio di infastidire George St.Pierre, Oscar De La Hoya e la compagnia di promozione Thriller non è l'unico motivo per cui il presidente dell'UFC Dana White ha vietato al leggendario canadese di competere sul ring con un pugile altrettanto leggendario.

Lo ha annunciato in un'intervista con ESPN l'ex campione UFC in due classi di peso, Daniel Cormier.

"Penso che sia troppo rischioso per noi come comunità di mma lasciare che un ragazzo come George St. Pierre box con Oscar De La Hoya", ha detto DC. “Da un punto di vista finanziario, tutto sembra ottimo per GSP, ma sarà troppo rischioso. Anche considerando il fatto che Oscar ha già 50 anni, questo è un grosso rischio per l'SPG: se combatte e viene picchiato, sembrerà molto brutto, perché il più grande combattente di tutti i tempi perderà per KO o per dominio totale. a un pugile di 50 anni "

“È impossibile credere che George St. Pierre possa battere Oscar De La Hoya in un incontro di boxe. Questa è la realtà. Indipendentemente da tutto, il ragazzo è un campione olimpico. Ecco perché non voglio vederlo. È troppo rischioso. Forse l'SPG vincerà, ma personalmente non ci credo. Preferirei che questa lotta non avesse luogo ".

In precedenza si era saputo che il capo dell'UFC aveva posto il veto all'incontro di boxe tra St. Pierre e De La Hoya, che la società di promozione Thriller stava cercando di organizzare. Allo stesso tempo, il presidente di Thriller, Ryan Kavanagh, ha annunciato la sua disponibilità a donare un milione di dollari in beneficenza se Dana White cambia idea e acconsente alla lotta.


Diposting: 2021-05-25 16:39:05

Notizie precedenti | Prossime novità